l’idiozia della Rete

sono anche scettico riguardo alla qualità dei contenuti nel Web. prove di questa forse invincibile idiozia sono certi risultati: oggi cercavo qualcosa sul Coguaro, o Puma concolor, o Leone di Montagna. In inglese…

"googlo" o meglio digito su Google la parola "cougar" e mi escono paginate di risultati su MILF arrapate, non la voce primaria e principale inglese. Se un motore di ricerca mi restituisce come primi risultati rilevanti variazioni di uno slang sessuale e non la parola prima, originaria e corretta secondo me c'è un enorme problema che ha e avrà evidenti riflessi sull'educazione delle masse. la cosa fortunatamente ancora non vale per la sezione immagini di Google in cui il felino selvatico giustamente mantiene ancora titolo e rilevanza.

esattamente come vedere che su Wikipedia la pagina in lingua inglese dedicata a Lady Gaga è più lunga, sia pure di poco, della pagina dedicata a uno degli eroi del sindacalismo USA, Eugene V. Debs, ma se andiamo sulla versione Italiana di Wiki il confronto è ancor più impietoso.

l'idiozia del web. per non parlare di certi pezzi di merda umani la cui progenie spero cada vittima di strane malattie africane.

quale parte del “no”…

non hai capito?

tu che da Facebook mi inviti per la seconda volta a una cena benefit per un ospedale pediatrico organizzata da contradaioli da palio, quando in quanto animalista ho declinato cortesemente il tuo primo invito a una stessa cena per lo spesso ospedale organizzata da cacciatori?

quale parte del "No, grazie, sono animalista" non hai capito? credevo che l'invio di inviti via FB non sostituisse logica e buonsenso.

e in foto "ci serviamo" anche i Greenpaciari che protestano per Lego e Shell quando la Lego propone candidamente giochi "educativi" con animali reclusi e snaturati. Per quanto sono relativamente meno allarmista e molto sereno sulla cosa: non è che un bambino che giochi con lo zoo o il circo debba diventare per forza carceriere o circense (con animali).

autoanalisi

Questo chiederei alla Oriana Fallaci, dovessi incontrarla e fosse viva, oggi…

Ma non ti senti neanche un po' (parecchio) bischera?

Oggi. Con la Libia nel caos islamista dopo che abbiamo tradito e abbattuto il governo legittimo (Gheddafi), con l'Iraq nel caos islamista dopo che abbiamo tradito e abbattuto il governo leggittimo (Saddam) con la Siria nel caos islamista mentre tentiamo di abbaterne il governo legittimo (Assad) considerato che nessuno di questi governi era di tipo religioso, ma laico e socialista. Dopo che certi personaggi facevano il tifo per questo "nuovo ordine mondiale".

fortuna che Ostellino, Galli della Loggia, Magdi Allam e tutti gli altri sono vivi e vegeti. Magari li incontro di persona…

servo “nato”

ieri, 20 agosto 2014, il parlamento ha tradito – e per l'ennesima volta in un trentennio – la Costituzione:

Articolo 11

 

 

L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

 

 

oggi l'Italia armerà direttamente una fazione in guerra in Iraq su desiderio, comando e ordine della Nato e dell'imperialismo statunitense e israeliano tradendo con indicibile ipocrisia la legge fondamentale della nostra nazione. fa onore – e qui ci tengo a dirlo – al Movimento 5 Stelle (e anche a comunisti italiani) di aver votato contro, cosa che mi rincuora nel continuare a considerare meno della feccia da lettiera tutti quelli che, sui forum, sul web, nella stampa, nei partiti, insultano e aggrediscono senza tregua né coscienza questo movimento.

noi siamo qui a ricordare questa indegnità. perché non ci si chieda almeno, "Ma tu che cosa hai fatto? E non potendo fare, hai avuto almeno il coraggio di prendere posizione e denunciare il vero?"

non mi si venga più, da parte di questi poteri e queste istituzioni, a parlarmi di legalità e civiltà. non mi si venga più. perché prima della civiltà e della legge viene la coerenza. si avesse avuto almeno il coraggio di fronte alla storia di chiamare la guerra a strumento del propro potere sarei persino possibilista, ma così, no. così no.

tanto più che le parole del blogger "pensareinprofondo", una nostra vecchia conoscenza nella rete, spiegano con assoluta precisione e col dono della sintesi come stiano esattamente le cose. ne citiamo qui la conclusione mentre naturalmente rinviamo all'articolo fonte:

Poi possiamo dedicare paginate intere di sdegno per la macellazione in diretta di un poveraccio. Solo che, oltre che l'indignazione per lo spettacolo macabro, ogni tanto, uno dovrebbe accendere il cervello. Magari la prima domanda che gli viene in mente è:


ma come è possibile che i due stati più armati al mondo (USA ed Israele), gente che con un satellite riesce a vedere anche se centri il buco mentre pisci,che sa quando vai a pagare il mutuo, quanti debiti hai ed il numero delle tue amanti anche se sei un signor nessuno, non riesce a contenere un fenomeno così evidente come quello pur sapendo chi finanzia chi? Magari solo perché alla fine li controllano loro.Ma queste sono domande alla Di Battista, molto meglio i giornalisti alla Lerner, alla Ruotolo o, per scendere proprio in basso, alla Ferrara.


p.s.


per chiudere:


" In particolare Isis avrebbe comprato blindati per trasporto truppe in Croazia, carri armati in Romania, mezzi per la fanteria in Ucraina e munizioni in Bulgaria"


mica male vero? tutta roba che ora sta con i buoni.

#iostocondaniza

e mai con gli stronzi.

E qui aggiungo una poesia animalista uscitami proprio adesso e suggeritami da contingenze del giorno:

Non vi laverete tanto facilmente
il sangue dalle mani
l'abbaiare dei cani
la doppietta, la vigliaccata contro un innocente
il male
lo sterminio animale
non è sangue che si stacca
spacca, impregna, macchia
non se ne va, per niente
fumiga e cuoce a gemito
le dita, timbra a fuoco rosso
svita la patina di bontà
che vorreste indossare
non ve lo lavereste neanche foste i primi
in verità
e gli unici a cucinare
per un ospedale
di bambini.

funestae aves

La mia ultima poesia, la prima nata sul social network Quag, e dedicata a un utente.

[In foto: i “Senatori” del Gruppo Storico Romano.]

funestae aves

 

L'esplosione decanta

non ancora udita, ancora non esperita

nella quieta rotazione delle porte

serrate dai Littori.

Il Senato, si dice

non è mai stato così unanime

e il fumo degli altari così dritto.

Il foro apre con grida di bestiame

le botteghe:

si contrattano schiavi sempre freschi

e si chiudono i conti con i chicchi

dei sesterzi che cadono a raccolta.

Il veterano massaggia le ferite

nel suo agro. Neanche l'aria

è stata tanto accorta

da quando ha rinunciato a oscillare

sui triclini, le lampade.

 

L'esplosione cova uova

impreviste sui bronzi del sacello

suona con la risata nuova

delle fanciulle che baciano

fra i mirti, germoglia

a fianco della fiera e della madre

e vola con più dure penne

senza temere notte

o vento opposto:

alla sua vela i tetti come cocci

calpestati da un attore

con fragore per scherzo

suonano, ma chi ode

i richiami funesti?

Ticonzero, seduto accanto a me

hai sentito qualcosa? Una gazza, confermi

quasi per scherzo. Ma sei serio.

Guarda: la sera cede tregua al sole

se così parlo a te, parremo onesti

non ci diranno nulla, fermi

su una panca a guardare

una pace appassita.

Humilis

Tre cose desidero vedere innanzi alla mia morte, ma dubito, ancora che io vivessi molto, non ne vedere alcuna: uno vivere di republica bene ordinata nella città nostra, Italia liberata da tutti e’ barbari e liberato el mondo dalla tirannide di questi scelerati preti.

Francesco Guicciardini, Ricordi, 1512/30

 

Tanto per ricordarci che la Chiesa predica bene, ma razzola da far vomitare, mi pregio di postare qui la vicenda e la reclame di "Humilis. Made in Assisi. Unico. Fatto a mano", anello artigianale in metalli preziosi – oro e argento – che come recita la pubblicità ospitata sulle pagine della rivista San Francesco, rivista di "Spiritualità Francescana", organo "ufficiale di stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi. Custodia Generale del Sacro Convento" (il grassetto è mio):

"L'anello è il primo e unico completamente realizzato in Assisi. La produzione artigianale, unita alle più evolute tecniche di lavorazione, fanno di Humilis un oggetto di rara fattura, benché essenziale. Data l'unicità e l'alto valore simbolico, gli anelli Humilis vengono sempre più spesso scelti anche come fedi nuziali. Inoltre sono stati usati solo materiali nobili come l'oro e l'argento. Un design semplice e lineare che vuole richiamare la sobrietà della vita a cui tendere, come quella del Santo."

"Il TAU è il segno con cui San Francesco d'Assisi amava firmare le lettere e le benedizioni. […] "È un segno di potente protezione contro il male" (Ez. 9,6)

il quale, è bene ricordarlo, portava anelloni alle mani stimmatizzate. Edifica certamente l'anima del pio scoprire che queste pubblicità circolano sulla stampa dedicata all'umile frate che sposò Madonna Povertà. Apprezziamo anche il richiamo a incantesimi e formule di protezione che quando pronunciati dalle persone sbagliate (maghi, taumaturghi, non religiosi…) diventa nella pubblicistica cristiana pratica superstiziosa se non demoniaca. La stessa Madonna Povertà ben si rispecchia nel catalogo e nei prezzi dell'opificio:

tau humilis

Ci piace il mercante nel tempio e sulla sua pubblicistica.

L’acqua invisibile dell’onnivoro

Un filmato che spiega in modo documentato, semplice, chiaro e scientifico perché l'onnivoro consuma più risorse idriche di un vegano.

I numeri e i fatti elencati nel video provano che quanto al consumo di acqua nel ciclo produttivo gli scienziati hanno confermato che l'alimentazione vegan risparmia drasticamente risorse (1 kg di carne: 15.000 e passa litri d'acqua solo per produrla!). "Si chiamano numeri, bellezza, e tu non puoi farci niente!"

Un bel filmato sull'acqua invisibile che arriva sulle nostre tavole! Link sottostante:

https://db.tt/802bXXJP

Prima volta su una cover… | Grazie

10608886_616237695162475_1984512399_n

Ringrazio Daniele Ricci e tutto il cast e gli amici della Red Planet Production, grazie a voi è la prima volta che sono su una cover di un DVD del cinema.

La prima volta ha sempre una magia unica.

Grazie.

Nobel per la Guerra

visto che l'attuale UE ha votato per fornire armi a una delle fazioni in Iraq – i Curdi – come lo spieghiamo alle persone con un cervello che questo lercio Moloch fomentatore di guerre (per giunta fallite conto terzi – Israele e USA) è lo stesso che neanche due anni fa  fu insignito del Premio Nobel per la Pace?

o l'Unione si è bevuta la pozione di Dr. Jekill, e si è mutata in uno sconcio Hyde, da pecorella ch'era, o sono stati gli assegnatari del più prestigioso premio scientifico e culturale a non capirci un benemerito cazzo.

La prima ipotesi apre a possibilità inedite di fantapolitica letteraria; la seconda fa dubitare seriamente delle capacità, competenze e degnità di chi regala "alla membro di cane" medaglie scientifico-culturali.

NATO cartoons2

La vignetta rende perfettamente conto della situazione, e questo diagramma mostra la fiducia che quest'accozzaglia chiamata governo dell'Usura riscuote in elezioni oltretutto pure assai poco libere (con movimenti esclusi ope legis dalla tenzone e dei media schifosamente asserviti): mancava l'ultima percentuale (2014), per l'appunto il 42,54% degli aventi diritto.

20140110_euc001_l