Marsault | Je ne vais pas aller sans

Ho scoperto un nuovo genio della matita. Marsault. Qui il suo sito ufficiale su Tumblr.

A me basta questa. Ma sono tutte dei capolavori, a quel che vedo…

tumblr_nxawyeq27p1ukmebbo1_1280

Siamo in assoluta sintonia, sono ormai mesi che mi chiedevo: “Cazzo, ma te li devono infilare ovunque questi fottuti Minions?” Mi piacevano un mucchio. Ora, dopo tre anni che me li vedo a ogni metro quadro di strada, sul web, sulle riviste… LI ODIO.

 


Je découvre un nouveau génie du crayon. Marsault . D’où son site officiel sur Tumblr . Tout ce que je veux est la suivante. Mais ils sont tous les chefs-d’œuvre , de ce que je vois …

Nous sommes en harmonie absolue , sommes maintenant des mois que je me demandais : « Merde , il faut les mettre partout où ces Minions putain ” Je les aimais beaucoup . Maintenant , après trois ans que je les vois chaque mètre carré de la route , sur le web , dans les magazines … Je les déteste .

ma che Europa, ma che giustizia… | ma che fogna la gente

guardate questi video e contate i post e commenti, attentamentemolto attentamente.

ne esce un’umanità, un paese di cui mi vergogno. con che coraggio andiamo a chiedere giustizia da politicanti corrotti, pietà da pedofili e mafiosi, umanità dai seviziatori di bestie, quando una persona che non ha rubato, non ha aggredito nessuno, non ha ingannato o truffato nessuno viene trattata così nei commenti. quando siamo così empatici e comprensivi verso un connazionale in difficoltà? con che coraggio chiediamo giustizia per noi quando siamo così per gli altri?!?!?

come ci siamo ridotti? cazzo. cosa siamo diventati?

In generale, a tutti quelli che di fronte a un uomo disperato sparano livore e rabbia invece di cercare più giustizia: VERGOGNATEVI. Vi auguro di finire disperati e ricevere la stessa solidarietà. Più due bei calci sulle gengive e un giro in galera… Finire nella merda di questi tempi è un attimo, per tutti. Un attimo. Poi ci lamentiamo di mafiosi, trafficanti e pedofili? Quando noi “persone normali” non siamo più neanche capaci di tendere la mano a un concittadino. Cazzo. I mostri sono mostri, ma troppe persone “normali” che vedo parlare sul web mi fanno molta più paura. 

i Regeni degli altri | qualifiche

poi tuonano contro il nazismo

deprivare un prigioniero incappucciandolo è obiettivamente tortura. la deprivazione sensoriale e l’incertezza che ne deriva sono tra le più vili e raffinate forme di sevizia inventate dalla malvagia mente umana. vili, perché non mostrano la barbarie che sono attraverso segni visibili – e quindi sfuggono a ogni scrutinio e a ogni senso di vergogna che si potrebbe provare davanti a lividi, piaghe, ossa spezzate – raffinate, perché costituiscono una modalità estremamente penetrante di abuso del corpo soggetto al trattamento.

ecco che la stampa dell’Occidente “liberatore” che si straccia le vesti – o meglio che finge di addolorarsi – per i suoi Giulio Regeni, non si perita di apprezzare la “regenizzazione” altrui, di mostrare i Regeni degli altri, i Regeni che siamo noi a torturare, tramite interposto governo. e che intervista pure un individuo atterrito e segregato senza alcuna garanzia in un carcere segreto – ricordandogli, perfidamente, che noi sappiamo benissimo che egli “ha una moglie incinta e un bambino” (altra crudele forma di sevizia psicologica).

e allora è evidente la sconfessione sostanziale e formale di ogni tentativo di critica verso la barbarie e la tirannide da parte di questi deprecabili farisei. i giornalisti che accettano tutto questo senza denunciarlo sono moralmente correi e conniventi con i seviziatori. tutti lo sono, quando accettano queste modalità. pertanto A che titolo vengono a fare la morale a tutti parlando di totalitarismi, camere a gas, crimini contro l’umanità?

l’ipocrita, quando commette le colpe che addita agli altri perde di fatto ogni autorità e credibilità nella sua condanna, nella sua morale.

questa gente non avrebbe neppure la qualifica e la credibilità per giudicare la merda cagata dal più ottuso dei naziskin, figurarsi dirci cosa è umano e cosa è crimine contro l’umanità.

un giornalista vero – che serve la verità – non intervista i seviziati mentre sono preda dei loro aguzzini, ma denuncia le sevizie.

che credibilità può mai avere, inoltre un’intervista estorta in queste circostanze?

naturalmente è il Corriere della Ser(v)a

ciao Bud

la seconda vignetta, in mezz’ora stanotte.

ciao bud

ma mi sarei sentito una merda a rimandare a domani. Ciao Bud. Sei stato parte della mia infanzia, ora sei nel mio cuore.

Se Bobo potesse parlare…

la mia ultima vignetta che risponde finalmente all’annosa domanda: Ma che gli conveniva a Bobo farsi piacere  per decenni le cazzate del “suo” partito?

bobopotesseparlare

alla fin fine anche la satira più lencia e addomesticata paga …e paga bene. Ora scusate che ho da fare una vignetta più importante per un personaggio serio, ma questa non potevo farla mancare a Sergio Staino. Complimenti Direttore!

la quotidiana omertà della malainformazione | ancora il Corriere, chi se no?

qui un caso tipico di lacune, omissioni, silenzi complicissimi, sempre naturalmente a favore di chi il potere lo esercita, spesso abusando.

qui non conta tanto il singolo caso – obiettivamente grave, ma purtroppo consueto – di un insegnante bullizzato dai suoi stessi allievi – qui conta che il docente è stato oggetto di una sanzione illegittima, conta che il preside di quella scuola ha punito ingiustamente, come riconosciuto poi dagli organi competenti, la parte lesa. il pezzo è chiaramente impostato su questa “notizia”, l’illecito amministrativo e disciplinare ai danni di chi è stato vittima.

e i giornalisti del Corriere della Ser(v)a che fanno?

stanno zitti e buoni sull’informazione più interessante: il nome e cognome del preside che ha fatto una tale scelta sanzionatoria, la sola cosa che “faceva notizia”, ossia un preside che puniva l’aggredito più del suo aggressore!

se siete la parte più debole, signori, non sperate che il giornalismo italiota prenda le vostre difese. anzi…

la quotidiana omertà della malainformazione. il potere, specie se sbaglia, va sempre protetto e coperto.

e voi, genitori e insegnanti, sperate in una “buona scuola” con Presidi-sceriffi e una simile informazione pubblica? poverini.

PS il preside (o dirigente scolastico) in questione è il Prof. Mauro Agostino Donato Zeni in carica al Tenca dal 2012. noi queste informazioni, per farvi democraticamente un’idea, le diamo. non siamo mica giornalisti (non tesserati, almeno). qui la sua email, pubblicamente disponibile da CV, doveste chiedergli privatamente ragione del suo operato e esprimere il vostro civilissimo parere in merito alla sua professionalità dirigenziale.

artisti | …e altri artisti

se non avessi seguito un tweet del candidato a Sindaco di Roma di Casapound, Simone di Stefano, non avrei mai scoperto una certa vignetta di Zerocalcare. che non sto certo a ripostare relinkandola per non darle indebita pubblicità.

zerocalcaredistefano

ora, sull’arte io sono assolutamente liberale, e penso che Zero (l’ho anche intervistato…) sia un artista in buona via di formazione – che generalmente mi piace parecchio. Di Stefano se la prende  forse troppo per un disegno (Zero del resto non ha mai fatto mistero del suo radicalismo antifa), il che secondo me, autorizza soltanto una degna risposta via pennino.

all’arte si risponde con l’arte.

(caro Zero non è che tu sia l’unico a saper tenere in mano un pennino…)

antifacrush_zerocalcareciapa

 

M5S = pagliacci | destra sociale e nazionalista

M5S? ho sempre fatto bene a non fidarmi. ditemi voi se potete fidarvi di un movimento/partito il cui esponente più in vista e praticamente “portavoce ufficiale” cambia le carte in tavola a questo modo sul suo sito:

becchi

pagliacci. traditori e pagliacci.

io spero solo nel loro totale fallimento e, una volta che sarà fallita anche questa alternativa come il PD e gli altri, nell’avvento della sola vera forza politica che non ha mai tradito in 70 anni: la destra estrema, sociale, nazionalista e radicale. dovrà spazzare via in una tempesta di acciaio e furore tutti i pagliacci e parassiti che infestano la nazione, la politica e la società. e applicare a chi ha devastato e umiliato per anni il nostro paese una punizione esemplare e definitiva. non vivo che per vedere quell’alba, luminosa e terribile. il Bauer tedesco in stampa rende bene l’idea del giusto approccio.

1_Georg-Sluyterman-von-Langeweyde