Trattati e culo | Lettera aperta al Dott. Mario Draghi

Gentile Dott. Draghi,

in riferimento alle Sue parole, quali riportate nell’articolo in link (http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/02/06/euro-draghi-la-moneta-unica-e-irrevocabile-la-questione-delluscita-non-e-contemplata-dal-trattato/3371615/ ) mi premeva informarLa che, qualora un trattato comporti povertà, miseria, disperazione, suicidio, pensionati che frugano nei cassonetti, e impoverimento nazionale, io come uomo e cittadino con simili trattati mi ci pulisco il culo. Farò naturalmente in modo che questa presa di coscienza e azione si traduca in prassi presso i miei concittadini.

Cordialmente Suo.

 

Prof. Furio DETTI

(seguono indirizzo e contatti)

DC Comics Italia: supereroi nel fango delle slot

Via Twitter mi è giunta questa pubblicità.

Non ci volevo credere.

Sapere che la DC Comics – o chi per loro, quale detentore dei diritti, in Italia – abbia concesso i volti dei nostri amati supereroi per pubblicizzare la piaga del gioco d’azzardo è cosa che fa a super-cazzotti con l’immaginario delle nostre amate “nuvolette”. Parlandoci chiaro, a Gotham City o a Metropolis, sarebbe più facile incontrare i criminali in certi ambienti, che non sono il massimo della limpidezza. Per tacere del fatto che anche nel mondo “vero” intorno al gioco d’azzardo legale gravita una fauna umana molto disonorevole e  spesso incombe l’ombra dell’interesse criminale. Per tacere delle migliaia di persone rovinate da una patologia e da un’abitudine insana.

Che figura di merda per la faccia di Superman e Batman. I disegnatori che fanno, che dicono gli artisti? Sono d’accordo?

O per qualche soldo di pubblicità si vendono anche gli eroi?

Miglioramenti | Fedeli al Futuro

Ascoltatela bene questa incolta. Perché è il futuro.

Oggi: niente bocciature alla primaria. Nel 2025 diranno “Niente bocciature alla secondaria inferiore”. Nel 2045 “Niente bocciature al Liceo” e nel 2055 “Tutti laureati con 110 e lode anche se sono stati a fumarsi la Giamaica in canne al cesso.” I risultati arriveranno senza dubbio. Già ora il ministro è quel che è. Lasciamoli lavorare ci sta che fra 30 anni avremo il cavernicolo Oetzi come vertice della scuola pubblica. In fin dei conti, forse, aveva scoperto come grattarsi il sedere con due pietre. Se non sarà qualificato lui?

immigrati IS the word | immigrati è la parola

si annuncia molto fermamente e serenamente che qui la neolingua orwelliana del cretinismo mondialista non è di casa, non è benvenuta né tantomeno tollerata, e che in tutti i miei articoli e saggi, o lavori, o pubblicazioni, per indicare le masse di persone che transitano illegalmente da una frontiera all’altra userò la parola corretta:

IMMIGRATI

migranti sono gli animali. che migrano, appunto, “com’esuli pensieri nel vespero”.