disagio disagio disagio | ESTICAZZI

«Diagnosi secondo il DSM IV-TR
Il disturbo di personalità borderline è un disturbo dell’area affettiva, cognitiva e comportamentale. Le caratteristiche essenziali di questo disturbo sono una modalità pervasiva di instabilità delle relazioni interpersonali, dell’immagine di sé e dell’umore, ed una marcata impulsività; tali caratteristiche compaiono nella prima età adulta e sono identificabili, secondo il DSM IV-TR, in presenza di cinque (o più) dei seguenti elementi: 1. sforzi disperati di evitare un reale o immaginario abbandono; 2. un quadro di relazioni interpersonali instabili e intense, caratterizzate dall’alternanza tra gli estremi di iperidealizzazione e svalutazione; etc.etc.etc.»

Fonte: Wikipedia, voce “Disturbo Borderline di Personalità»

 

una persona, di cui non faccio il nome, ma solo per non aumentarne l’ipertrofico ego e l’area di attenzione/interesse, mi ha recentemente contattato via FB tramite messaggistica. non ricordo esattamente perché ma solo a seguito di questo messaggio avevo chiesto amicizia via FB (e non prima, come questa persona dice, perché fossi incuriosito dalla sua attività culturale, di cui al momento, anche con tutta la buona fede e il beneficio di inventario nelle doti altrui non potevo essere affatto al corrente).

aggiungo oltretutto che il primo messaggio di questa persona mi aveva colpito un po’ negativamente per la sua informalità – assenza del Lei, richiesta di info più confidenziali di quelle che si chiedono solitamente al primo scambio di messaggi. oltre che per la sgrammaticata coniugazione del verbo avere

…(a per “ha”) [alla faccia dell’attivismo culturale].

magnanimo e disponibile come sono, comunque rispondo senza problemi. un refuso, magari e un po’ di entusiasmo.

la conversazione prosegue. a quel punto rispondo più gentilmente che posso e mi faccio “una piccola marchetta”, visti gli interessi della persona: la avverto che sta per andare in stampa un volume di mie poesie dedicate al Giappone e che mi pregiavo – essendo questa la prima persona e parendomi buona l’occasione – di mandare una copia di una poesia contenuta nell’opera con dedica personale. immaginando di far cosa gradita e un po’ di pubblicità insieme… cosa fatta in effetti.

poi su un gruppo a cui appartiene questa persona posto una considerazione politica.

apriti cielo

questo è il post rivolto a me e a tutti i membri di quel gruppo – che con somma indelicatezza parla anche del nostro contatto personale e privato via messenger…

NON SAPEVO DI ESSERE OGGETTO DI UN ESAMINO così improvviso e perdio inopportuno…

ero appena stato esaminato quale esperto in Bushido e cazzologia dalla nostra illustre luminare, che nello spazio di un sms o quasi sa certo dirimere elevate questioni e vagliare alte competenze!

con la mia risposta.

obbligata e necessaria visto il tenore delle osservazioni di questa persona. purtroppo per la poesia con dedica già spedita, ma pazienza. aggiungo fin d’ora che la si può riconoscere dalla data – 03/03/18 – e naturalmente la sconfesso qui, urbi et orbi. vista che è la sola poesia con dedica in tal data, è anche l’unica che posso facilmente sconfessare pubblicamente e ufficialmente.

che fai, prima mi contatti e poi mi attacchi? “Qui c’è grosso problema” direbbe il Guzzanti di Quelo.

e siccome non sono qui per risolvere i bisogni psicologici o le esigenze mentali di chi potrebbe anche rivolgersi a strutture e persone più competenti del sottoscritto (e non parlo di Giappone, ma di strutture pubbliche inerenti la salute e il disagio relazionale…), non posso che chiuderla qua. purtroppo nei social la preponderante maggioranza sembra soffrire di qualcosa la cui terapia non sta nella poesia di ispirazione nipponica.

altro non mi resta da dire su questa persona, solo:

E STI CAZZI!!!!

DISAGIO DISAGIO DISAGIO

AGGIORNAMENTO (04/03/18)

questa bella persona ha risposto comunque e pubblicato sul web e su questo gruppo pubblico una mia lettera riservata solo a lei.

da un conoscente scopro che la persona in questione, intendendo dileggiarmi, ma ottenendo solo il risultato di mostrare a tutti una condotta discutibile, ha postato una mia dedica privata, senza neanche censurarmi quale mittente e permettendo quindi la mia identificazione.

Ora, la pubblicazione non autorizzata di messaggi privati che siano completi di ogni indicazione per risalire a uno dei due interlocutori può costituire anche un illecito e un reato se ambedue i soggetti coinvolti non hanno dato nulla osta per la pubblicazione del carteggio come spiegato in questo articolo qua.

E io NON ho autorizzato questa persona a farlo.

PUBBLICARE CONVERSAZIONI PRIVATE È REATO?

sarà interessante vedere cosa succede, voi che dite?