“diritti acquisiti”

mi sento in dovere di chiarire un punto. sento tutti – specialmente nelle fogne social, dove più che altro lavoro per smontare con l’ironia (quando mi riesce) la boria di certi personaggi sul podio – dire che ridurre la pensione o eliminare il vitalizio dei deputati determinerà necesssariamente lo smantellamento del welfare di ciascuno, il tutto ancor più condensato nella formula:

“se tocchi i ‘diritti acquisiti’ dei parlamentari, sfasci anche quelli delle persone comuni.”

ecco, mi preme fare due o tre considerazioni pertinenti in merito (e a maggior ragione, ora che apprendo, “last news“, dell’approvazione della legge di abolizione dei vitalizi).

1

non si combatte con la paura della RITORSIONE. la ritorsione c’è e ci sarà sempre in qualunque conflitto. o si inizia a combattere o si sta buoni e zitti, ma pensare di ottenere qualcosa – da una legge migliore,  alla libertà, a un miglioramento delle condizioni di vita, alle promozioni sul lavoro, al potere, a tutto quello che volete – senza combattere per esso e senza esporsi a ritorsioni e contrattacchi dolorosi e a sconfitte sul campo è impossibile.  di più, è un ragionamento da sorci. tanto vale allora non fare nulla e subire passivamente qualunque cosa che il prossimo abbia in serbo per noi. opppure andare a cazzottare i neonati, lì (forse) si ha la vittoria facile, pur restando chiaramente dei sorci.

2

lo stato sociale e la giustizia salariale sono in rottamazione, pezzo dopo pezzo, da 30 anni, a partire dall’abolizione craxiana della Scala Mobile, alla Fornero madonnina lagrimosa, al Renzi che ci ha regalato l’abolizione dell’art. 18. il neoliberismo di mercato ha preso il controllo della classe dirigente dai tardi anni ’80. pertanto non c’era e non c’è mai stata alcuna garanzia sul fatto che lasciar crapulare e bagordare i maiali della casta impedisse loro di toglierci “diritti acquisiti”.  è da mo’ che la simmetria è compromessa. e non sarà certo il laissez faire sulle pensioni d’oro dei nostri politici a impedire nuove macellerie sociali.

3

Ricordarsi che nessuna giustizia del welfare marcia senza una giustizia per la casa, la giustizia della libertà finanziaria e d’acquisto (ossia pagare se lo si desidera in contanti sempre e comunque), la giustizia nell’informazione e nell’amministrazione pubblica.

4

se ha acconsentito a questo la classe dirigente ha davvero paura. è il caso di insistere e puntare a questi risultati nettamente nazionali e socialisenza se e senza ma:

  •  limite di età a 20 anni per le forme di lavoro atipiche (dai voucher in giù)
  • ripristino completo dello Statuto dei Lavoratori o meglio creazione di statuti comprensivi a ampio raggio e leggi-quadro di indirizzo generale per tutti i lavoratori senza particolari distinzioni
  • riduzione del carico fiscale alle imprese “virtuose” con i dipendenti (più lunghi periodi di lavoro, basso tasso di licenziamenti, rispetto e maggiore implementazione della sicurezza…)
  • combattere decisamente e senza pietà le catene di cooperative e microimprese non in regola, visto che sono quelle le tipologie di datori di lavoro meno attenti ai diritti in materia
  • eliminare progressivamente la quota di immigrati fino a un ingresso pari allo 0,05% annuo e solo di lavoratori altamente qualificati per abbattere l’esercito di riserva della manodopera straniera nel settore dei servizi specialmente
  • potenziamento delle tutele per chi ha figli naturali, o adottati italiani

o faremo questa e una lunga serie di cose, valide erga omnes, o sarà inutile anche solo pensare a resistere al mercato, al suo mondialismo meticciante e dissolvente. solo allora potremo parlare di veri diritti conquistati. non acquisiti.

sarebbe meglio cambiare sistema di governo e completamente classe dirigente, ma non è opera di un giorno. e la battaglia è lunga.

Lascia un commento