Trattati e culo | Lettera aperta al Dott. Mario Draghi

Gentile Dott. Draghi,

in riferimento alle Sue parole, quali riportate nell’articolo in link (http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/02/06/euro-draghi-la-moneta-unica-e-irrevocabile-la-questione-delluscita-non-e-contemplata-dal-trattato/3371615/ ) mi premeva informarLa che, qualora un trattato comporti povertà, miseria, disperazione, suicidio, pensionati che frugano nei cassonetti, e impoverimento nazionale, io come uomo e cittadino con simili trattati mi ci pulisco il culo. Farò naturalmente in modo che questa presa di coscienza e azione si traduca in prassi presso i miei concittadini.

Cordialmente Suo.

 

Prof. Furio DETTI

(seguono indirizzo e contatti)

Lascia un commento