il colpevole | charlie, un an apres

RATTI VIGLIACCHI

un anno fa dissi orgogliosamente, controcorrente come sempre, che “non ero Charlie”. non potevo esserlo per tutta una serie di ragioni. ribadendole più volte a ogni successivo sviluppo della faccenda.

a un anno scopro non solo di averci ben visto, ma anche di essere testimone dell’ulteriore caduta in basso di sedicenti artisti che son buoni solo a provocare sterilmente e superficialmente.

chiedersi perché oggi se la prendano con i cristiani e il loro dio, anziché (se fosse il caso) con Maometto o Allah, ha veramente a che vedere con una sottospecie squallida di viltà marcita a fuoco lento.

il colpevole, secondo Charlie: il dio cristiano. con tutto il mio anticlericalismo e ateismo, mi fa proprio specie, senza se e senza ma, vedere come per questi figuri sia facile deridere credenti indifesi e innocui. mica i musulmani!

sarebbe il caso che il cosiddetto “mondo civile” prendesse atto della caratura di questi sedicenti “artisti”.

torta e tortura | l’inganno delle religioni, la truffa della “non violenza”

ecco una delle più assurde, incoerenti e ipocrite icone del piattume benpensante festeggiare in compagnia di un guerrafondaio, torturatore, mandante di sevizie a Guamtanamo, Abu Ghraib, nei luoghi di detenzione e rapimento extragiudiziali, in tutto il mondo. invece di ridere, caro il mio signor Tenzin Gyatso, chiedi al tuo caro amico e cmpagnone quanta gente ha fatto waterboardare… quanti innocenti sono stati fatti esplodere da droni come “effetti collaterali”. che schifo, queste immagini, che schifo.

torta e tortura

torta e tortura

la premiata coppia fra teocrazia e politica ci offre uno squisito esempio di coerenza e pratica buddhista, di “nonviolenza” nei salotti platinati d’oro e pulitissimi dei più violenti… in compagnia naturalmente di plutocrati convitati che fanno la bella vita sul debito publico, sui default, sui tagli a welfare e occupazione, sulla detassazione dei patrimoni miliardari e sulla macellazione della classe media e operaia, sulla vita straziata di milioni di (ex)lavoratori o lavoratori-sfruttati e pensionati ridotti alla fame negli USA e altrove. una bella cricca di banchieri e usurai assassini e boia!

cazzo che esempio di buddhismo! cazzo che esempio di santità!

ci credo poi che ridono!!!

2015-07-01-Dallas-N02

pensano ai minchioni che si bevono le loro cazzate su religione e “guerre giuste al terrore”, pensano ai milioni di pecoroni che “intortano” con Religione, Economia e Politica!

proprio vero che le religioni organizzate sono come le Mafie…

“Una montagna di merda.” (Peppino Impastato)

“Elegido” | Wir hassen

dal sito www.all4animals.it, una foto, una notizia e una poesia. “Elegido”:

Elegido

Io non odio.
Non odio voi che guardate, voi che mi deridete, che mi inseguite con le vostre lance aguzze, che tormentate il mio corpo.
Io non odio, perché l’odio non so cos’è.
Non odio ma neppure capisco
Come chi già domina il mondo
Senta di dover dominare anche su di noi
Che siamo soli e invisibili
Piccoli
Inascoltati
Muti.
Non odio perché nella mia anima
Grande come una nuvola
Che già fluttua alla volta del cielo
Non c’è spazio per le tempeste.
Non odio perché sono un animale
E l’animale non conosce rancore, né risentimento
E neppure la violenza cieca
Di cui mi state facendo oggetto.
Non temetemi
Né da vivo né da morto
Perché io non sono un uomo.
Volevo solo un prato in cui riposare
Non il mio sangue che inzuppa la polvere
Non i miei occhi stanchi che si chiudono
Non il mio corpo che non mi sorregge più.
Ero nato da poco
Me ne sto già andando.
Se mi sveglierò in un posto migliore
Rivedrò, nel mio cuore, ciascuno dei vostri volti
Senza rancore, senza più sofferenza.
Non temete, io non vi odio.
Non vi ho mai odiati.

noi aggiungiamo solo:

noi-odiamo